JavaScript must be enabled in order for you to see "WP Copy Data Protect" effect. However, it seems JavaScript is either disabled or not supported by your browser. To see full result of "WP Copy Data Protector", enable JavaScript by changing your browser options, then try again.

8 luglio 2020 – Presentazione del libro Femminili singolari di Vera Gheno

I femminili sono comuni nelle professioni che un tempo erano abituali per le donne (operaie, sarte, maestre), e meno comuni in quei settori dove le donne, fino a tempi recenti, erano una rarità.

Ha senso oggi mantenere distinzioni tra mestieri al femminile e mestieri al maschile? E se fosse proprio questa una forma di discriminazione? Ne parla la sociolinguista Vera Gheno nel suo ultimo libro “Femminili singolari. Il femminismo è nelle parole” (EffeQu), che ospiteremo l’8 luglio alle 21 per una presentazione nel giardino dell’Arte.

Collaboratrice dell’Accademia della Crusca dal 2000 e fino al 2019, ne ha gestito l’account Twitter dal 2012 al giugno 2019 e attualmente gestisce la parte linguistica del profilo Twitter di Zanichelli. Vera insegna all’Università di Firenze, e “Femminili singolari” è il quarto dei suoi libri usciti nel 2019. I primi tre sono: “Potere alle parole. Perché usarle meglio” (Einaudi), “La tesi di laurea. Ricerca, scrittura e revisione per chiudere in bellezza” (Zanichelli), “Prima l’italiano. Come scrivere bene, parlare meglio e non fare brutte figure” (Newton Compton).

In precedenza aveva pubblicato: “Guida pratica all’italiano scritto (senza diventare grammarnazi)” (2016) e “Social-linguistica. Italiano e italiani dei social network” (2017), entrambi per Franco Cesati. Nel 2018, con Bruno Mastroianni, ha inoltre scritto “Tienilo acceso. Posta, commenta, condividi senza spegnere il cervello” (Longanesi).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: